Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policycookies
Seguici su

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte inaugura il G20 italiano

Nel video di presentazione il Presidente ha sottolineato che nel 2021 l’Italia sarà chiamata a dare risposte alle grandi sfide globali che ci attendono e a consegnare ai nostri figli un pianeta migliore.

01 dicembre 2020

È appena cominciata ufficialmente la presidenza italiana del G20. L’Italia è pronta a dare il via a un anno di intenso lavoro. Siamo chiamati a dare risposte all’altezza delle grandi sfide globali che ci attendono. E a costruire oggi il mondo di domani, per consegnare nelle mani dei nostri figli un Pianeta migliore.

L’Italia saprà mettere in campo tutto il suo impegno e la sua apertura al dialogo, mostrando le sue bellezze, la sua storia e la sua capacità di progettare il futuro. Lo faremo cercando tutti insieme di lasciarci alle spalle la terribile pandemia che sta causando tanta sofferenza in ogni parte del mondo. Lavoreremo per promuovere strumenti e azioni condivise che consentano una ripresa economica più equa, più giusta, in grado di combattere le disuguaglianze vecchie e nuove; metteremo al centro delle nostre azioni l’empowerment delle donne; favoriremo l’adozione di politiche per accelerare la transizione energetica e combattere i cambiamenti climatici, per lasciare a chi verrà dopo di noi un mondo più verde e più sostenibile.

Rafforzeremo la nostra collaborazione per cogliere le immense opportunità che ci offre la digitalizzazione, per renderla uno strumento accessibile a tutti, uniremo i nostri sforzi per rafforzare il sistema commerciale globale secondo i principi di trasparenza e inclusività. Faremo tutto questo con uno spirito aperto e partecipativo, coinvolgendo anche la società civile.

Persone - Pianeta - Prosperità sono i tre pilastri della Presidenza Italiana del G20. Le tre stelle polari che ci guideranno fino al vertice finale dei leader, il 30 e 31 ottobre, che ospiteremo a Roma. Qui, nella Città Eterna, la Capitale d’Italia, raccoglieremo i frutti di questo nostro impegno.